Lecceinrete

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Politiche sociali Lettera al Presidente della Provincia di Lecce sul pattinodromo

Lettera al Presidente della Provincia di Lecce sul pattinodromo

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Gent.mo Presidente avv. Giovanni Pellegrino
Provincia via Umberto I, 13
7310 LECCE
Pc Presidente Provinciale Coni
Via Carluccio, 1/D (4° Piano) · 73100 LECCE Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Pc Presidente Provinciale ACSI
Pc Quotidiano di Lecce
Pc Il Corsivo
Pc Striscia la notizia
Gruppo Facebook  "Strutture sportive nel Salento: queste sconosciute"
Pc Telerama
Pc Canale 8
Pc Telenorba

Oggetto: richiesta di informazioni su pattinodromo Maglie

Gent.mo Presidente

Sono un cittadino stanco della gestione della cosa pubblica da parte di una certa politica.

A Maglie con un bando dell'aprile 2001 e 600 milioni di lire è stato costruito un pattinodromo con soldi della provincia (cioè soldi di tutti noi cittadini). Pattinodromo che dopo la costruzione è stato a marcire qualche anno. Ad un certo punto alcuni genitori di Maglie e dintorni nel 2006 venuti a conoscenza della presenza della struttura hanno invitato l'amministrazione comunale ad effettuare il bando per la gestione. A quel punto si sono resi conto che la struttura non era agibile. Dopo un sopraluogo vi è stato un intervento sulla pavimentazione che ha reso la struttura agibile il tempo necessario per fare il bando e che questo fosse vinto dalla società Accademia di Pattinaggio delle tecniche federali FIHP Leone Raffaella e Piera.

Quando nel novembre 07 la struttura doveva essere data in consegna alla società si è scoperto la sopraggiunta inabilità delle piste a causa di errori nella scelta dei materiali. Da quel momento in poi si è sperato nella soluzione del problema fino a quando in via informale si è saputo che la Provincia è andata in contenzioso con la ditta costruttrice.

A questo punto le formulo dei quesiti ai quali vorrei delle risposte formali che verranno pubblicate:

1) è accettabile che in una zona con alti tassi di devianza e limitate strutture sportive agibili si spendano nostri soldi in strutture sportive mal progettate e mal realizzate?

2) Dico questo perché è normale progettare un pattinodromo senza bagni e spogliatoi? Se come penso era un problema di soldi non si poteva costruire solo il pattinodromo piano e non anche l'anello ma costruire i servizi annessi?

3) In assenza di soldi pubblici (quindi nostri) non si possono fare bandi a federazioni sportive (più che a singole società) che prevedano il completamento delle opere dietro comodato per alcuni anni? Il Coni, L'ACSI e altre federazioni non possono essere coinvolte in tali realizzazioni?.

4) Con quali criteri si scelgono le ditte per gli appalti pubblici, solo con il criterio dell'asta al ribasso? Ci sarebbe anche da chiedersi come mai la stressa struttura costruita dal privato costerebbe meno! Quale è la funzione del responsabile dei lavori?. Con quali criteri è scelto? Perl le competenze, per l'economicità, perché è biondo ed ha gli occhi azzurri? Si verifica se la società che vince ha nel curriculum realizzazioni di impianti che non hanno avuto problemi e che non ha contenzioni con le pubbliche amministrazioni?

5) Cosa sta facendo ora la Provincia per risolvere in tempi certi e ragionevoli la situazione di Maglie. Mi può far fornire dagli uffici competenti una cronistoria degli interventi che questo ente ha fatto per risolvere questo problema nell'interessa di tanti ragazzi e giovani che avrebbero un luogo migliore dove trascorrere il proprio tempo?

6) Nell'articolo del quotidiano del 3/2/09 il sindaco di Maglie risponde alla mia lettera dicendo che loro hanno fatto tutto ciò che potevano fare ed ora dipende solo dalla Provincia. Sono padre di una ragazza di 11 anni che ama il pattinaggio su rotelle e lo pratica da quando aveva 4 anni. Le posso promettere che con il prossimo anno sociale potrà pattinare a Maglie?.

7) È a conoscenza che a Corigliano d'Otranto vi è un palazzetto dello sport in costruzione da almeno 10 anni? La provincia ha qualche ruolo nella sua realizzazione? È possibile sapere a che punto sono i lavori? La struttura sarà o meno adatta per il pattinaggio artistico. Mi pervengono voci contraddittorie su quest'ultimo aspetto.

Sono convinto che lei è consapevole della forza che lo sport ha nella prevenzione della devianza e della tossicodipendenza.

Io come professione sono psicologo e lavoro nella Casa Circondariale di Lecce a contatto con i tossicodipendenti e le posso garantire che l'impegno, l'assenza di noia, la capacità di programmazione, la sfida sportiva, l'essere in gruppo, il confronto con adulti educatori competenti, limitano grandemente tutte le devianza.

8) È a conoscenza che a Soleto vi è un pattinodromo piano, un anello per il pattinaggio in linea, un pallone tensostatico che sembra siano inagibili?

9) Le sembra normale che i cittadini tartassati da tasse non possano utilizzare strutture sportive? Le sembra normale che a formali lettere gli amministratori si sentano così superiori da non degnare risposte formali, chiare con indicazione della soluzione del problema?

Forse le è chiaro che sono un poco arrabbiato, che ho intenzione di andare fino in fondo. Individuerò tutte le strade possibili compreso un esposto alla procura della repubblica per verificare la bontà di procedure e realizzazione degli impianti di Maglie e Corigliano.

Attendo a stretto giro una sua cortese, chiara risolutiva risposta.

Cordiali saluti.         Il Presidente dott Raffaele De Giorgi

Raffaele De Giorgi

Ultimo aggiornamento Sabato 07 Febbraio 2009 14:07  

E' necessario registrarsi

Eventi da non perdere

<<  Maggio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Concetti chiave

Le visite